Notizia

Situazione finanziaria, chiesta una seduta straordinaria

(Ufficio Stampa/Acot) – Una seduta straordinaria del consiglio comunale, da convocare prima del 22 novembre, per far chiarezza sulla situazione finanziaria dell’Ente in rapporto all’iter del piano di riequilibrio: la chiedono al presidente del consiglio comunale, con un atto presentato stamattina ai sensi dell’art. 39 comma 2 del Tuel, i consiglieri Enrico Melasecche (IlT), Thomas De Luca, Valentina Pococacio, Patrizia Braghiroli, Federico Pasculli, Angelica Trenta (M5S), Marco Cecconi (FdI) e Paolo Crescimbeni (Gm).
Nell’atto si chiede al sindaco di “far conoscere in modo democratico e limpido alla città all’interno della seduta quali proposte intende fare a qui al 22 novembre alle Sezioni Riunite della Corte dei Conti, prima che le stesse, con il ricorso al famigerato “fondo di rotazione” vadano a condizionare pesantemente la vita di famiglie ed imprese”. I consiglieri d’opposizione che hanno sottoscritto l’atto chiedono inoltre al sindaco “se intenda onorare le proprie promesse, reiterate ripetutamente dal capogruppo del PD, in merito alla volontà di non aumentare assolutamente imposte e tasse, rimettendo contemporaneamente quanto irrevocabilmente il mandato all’approvazione o meno del piano di riequilibrio tenuto conto peraltro che la mancata approvazione del piano comporta comunque, ope legis, la cessazione dall’incarico e la chiusura anticipata della consiliatura”. “Chiarire le proprie intenzioni sul “fondo di rotazione” e sulle proprie dimissioni, peraltro anche nei confronti dei dipendenti comunali per i quali la UIL ha dichiarato che perderebbero in media oltre 12.000 euro ciascuno di indennità accessorie sia nel caso di seconda e definitiva bocciatura del piano sia nel caso di utilizzo del fondo di rotazione”.

 

GLD - Ufficio Stampa/Acot