Notizia

Comune-Sii: accordo su debiti e crediti

(ufficio stampa) -  Approvato venerdì scorso, dalla Giunta Comunale, con delibera immediatamente eseguibile, l’atto di conciliazione definitiva delle partite di debito e credito del Comune di Terni con la sua partecipata Sii. Con questo atto si è ricondotta a sintesi la verifica dei rapporti reciproci tra il Comune, ente controllante, e la società a cui è affidata la gestione del servizio idrico integrato.
“Le leggi in materia prevedono che i rapporti finanziari tra l’ente locale e gli organismi partecipati debbano mostrare una precisa corrispondenza tra le posizioni giuridiche di credito e debito - afferma l’assessore al Bilancio Vittorio Piacenti D’Ubaldi - in tal senso, l’ammontare del credito o debito della partecipata nei confronti dell’ente locale deve corrispondere alla posta creditoria o debitoria iscritta nel bilancio dell’ente stesso e, qualora si riscontrino discordanze, la legge impone di adottare senza indugio i provvedimenti necessari alla riconciliazione delle partite debitorie e creditorie”.
A questo scopo, nel 2015, la Giunta ha avviato un percorso costituendo un gruppo di lavoro ad hoc per la riconciliazione finanziaria con le società partecipate che ha portato a una prima conciliazione dei dati alla data del 31/12/2015, ad una seconda riconciliazione degli importi alla data del 31/12/2016 e a un aggiornamento  al 31/07/2017. Nel corso delle attività di riconciliazione, che hanno avuto ad oggetto l’esame puntuale di tutti i documenti contabili emessi da Sii a partire dal 2003, il Comune ha contestato, sia nel merito che negli importi, la somma di volta in volta comunicata e fatturata della società a titolo di consumi per le utenze comunali. Sono stati effettuati numerosi incontri tecnici-contabili tra i rappresentanti della società e dell’amministrazione comunale a seguito dei quali si è addivenuti alla riconciliazione definitiva delle partite creditorie e debitorie alla data del 31/06/2017.
Al termine dell’elaborato percorso di ricognizione, che tra l’altro ha visto anche il riconteggio di ben 18mila bollette idriche, è emerso che la Sii deve al Comune 800mila euro, che verranno detratte dalle prime fatturazioni utili in riferimento ad alcune utenze pubbliche.
Le parti, a conclusione della  riconciliazione, hanno convenuto che il credito vantato dal Comune nei confronti della Sii relativamente ai canoni di concessione idrica risulta pari a 2.205.009,36 euro; per il rimborso del mutuo è di 566.536,03 euro oltre Iva; per i lavori per manutenzioni straordinarie è di 76.342,36 euro.
Viceversa, il credito vantato dalla Sii, alla stessa data, è di 283.087,97 euro per fatture emesse relativamente al servizio di smaltimento reflui; per fatture emesse  per l’attivazione di nuove utenze è pari a 16.338,59 euro; per utenze comunali è di 1.842.515,01 euro.
“Il principio di corrispondenza tra posizioni creditorie e debitorie nei rapporti finanziari tra ente locale e organismi partecipati – dichiara l’assessore Vittorio Piacenti D’Ubaldi - rappresenta un punto fermo nel principio più ampio della veridicità dei bilanci e della buona prassi amministrativa. Con l’approvazione di questo importante atto si neutralizza una buona parte di quelle discrasie contabili che, a lungo andare, possono costituire rischio per gli equilibri finanziari dell’ente, determinano  debiti fuori bilancio. L’atto, obbligatorio per legge, è il frutto di un attento lavoro, reciproco, di verifica e accertamento delle posizioni giuridiche, un altro tassello utile sul duplice piano della razionalizzazione delle società partecipate e del riequilibrio”.