Notizia

Cascata delle Marmore: nuovi interventi di consolidamento

(ufficio stampa) –  Sono stati avviati i lavori per la riduzione del rischio idrogeologico della zona della Cascata delle Marmore, ufficialmente consegnati con il verbale del 2 novembre 2017. Da questa data la ditta aggiudicatrice ha a disposizione 190 giorni per il completamento dell’intervento.
Il progetto preliminare dei lavori risale al 2013, ma nel 2014 l’intervento è stato riprogrammato e inserito all’interno del Programma attuativo regionale del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007- 2013, che prevede l’assegnazione di contributi al Comune di Terni in qualità di soggetto attuatore dell’opera per un totale di un milione di euro. Nel 2015 è stata avviata la gara conclusasi nel 2016 con la scelta del contraente e l’aggiudicazione definitiva dei lavori alla ditta Esseti Srl Sistemi e Tecnologie per l’importo di 481.831,84 euro (oltre Iva) così frazionati: 422.208 per i lavori, 10.803,86 per i costi della sicurezza e 27.623,84 per le spese di progettazione.
Sempre nel 2016 sono stati approvati il progetto definitivo per il  Completamento intervento per la mitigazione del rischio idrogeologico in località Cascata delle Marmore -secondo lotto funzionale – e il progetto esecutivo. Lo scorso settembre, inoltre, è stata rilasciata dalla Regione Umbria – Servizio Geologico e Sismico – l’ autorizzazione sismica necessaria. Il settore d’intervento è compreso nella zona di confluenza dei fiumi Velino e Nera, instabile dal punto di vista geologico-geomorfologico, e si suddivide in tre aree considerate a maggiore rischio: la zona prospiciente il sentiero turistico per 4.500 mq; la zona a sinistra del Balcone degli innamorati che si sviluppa verso la parte bassa in direzione della confluenza dei ventagli della cascata con il Nera per 3.200mq; la zona a destra del  “balcone degli innamorati” che occupa la parte di pendice del Belvedere superiore per circa 800 mq. Gli interventi di mitigazione del rischio riguardano, tra gli altri, opere di rafforzamento corticale e  rivestimento con speciale rete metallica, la realizzazione di una barriera paramassi, la posa in opera di reti e funi a forte resistenza sulle pareti rocciose, la piantumazione di essenze arboree nel pieno rispetto dell’ecosistema presente. Inoltre, dallo studio di alcune mappe storiche dei primi anni del secolo scorso, è stata riscoperta l’esistenza di un percorso sotterraneo di particolare valenza panoramica e paesaggistica, oggi inservibile, la cui riattivazione costituisce oggetto specifico di intervento.
“Finalmente quella che per l’Amministrazione ha sempre costituito una priorità, la prevenzione del rischio, sia esso idrogeologico che di altra natura, può compiutamente realizzarsi - afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Sandro Corradi - la situazione di pericolosità di quella zona è stata costantemente monitorata dal Comune già dal 2005 e negli anni è stato portato a compimento il consolidamento di diverse aree. A monte c’è stato un grande lavoro di studio interdisciplinare da parte degli uffici tecnici del Comune, un’attenta analisi delle problematiche e criticità legate allo stato dei luoghi, ai vincoli normativi, agli aspetti relativi a sicurezza e ambiente. Inoltre – conclude l’assessore -   c’è stata un’ottima intesa con la Regione che ha condiviso e sostenuto la necessità di intervenire per aumentare il livello di protezione per turisti e operatori turistici, in un sito di particolare pregio naturalistico e di grande interesse turistico”.

 

 

SPA - Ufficio Stampa/Agit