Primo Piano

Giornata della Memoria: una serie di iniziative per il 27 gennaio

  (ufficio stampa) - In occasione della Giornata della Memoria sono molte le iniziative cittadine, in collaborazione o con il  patrocinio del Comune, che si terranno a Terni. Venerdì 27 gennaio 2017. Sala Blu Palazzo Gazzoli, alle 9, il liceo scientifico R.Donatelli, con il patrocinio dell’Ufficio scolastico Regionale, organizza un incontro con gli studenti. Il programma: coordinatrice dei lavori il dirigente scolastico, Luciana Leonelli; saluto delle istituzioni e dell'Anpi; interventi di Luciano Lima “Le ragioni ideologiche, politiche storiche e culturali”, esecuzione del brano musicale tratto dalla colonna sonora del film “La vita è bella”, Lirica “Todesfuge” analizzata e presentata con slide e musica di sottofondo; Fausto Manasse "La manipolazione dell'immagine la propaganda, i mezzi di comunicazione di massa del tempo."; Anna Rolli “Conversazione con un eroe”; coreografia delle studentesse, immagini del campo di concentramento di Dachau commentate con sottofondo musicaleLettura di brani con sottofondo musicale, esecuzione brano musicale;  partecipano  Catia Polidori e Walter Verini per aprire un dibattito sulla “Legge 20 luglio 2000, n. 211 e la necessità di mantenere viva la memoria, le memorie.bct- caffè letterario ore 17, Processo al processo Eichmann. In occasione dell’uscita del quarto e ultimo volume della serie dedicata al processo Eichmann della casa editrice Mattioli1885, dei veri alti magistrati giudicanti e inquirenti rifletteranno in merito a quel processo storico che senz'altro costituisce il primo vero “processo mediatico” dei tempi moderni, seguito da una produzione televisiva americana e la quotidiana messa in onda radiofonica perché la gente potesse ascoltare in diretta il dibattimento.La pubblicazione dell’ultimo volume dedicato all’interrogatorio dello “spedizioniere della morte” (come lo definisce il Procuratore generale di Gerusalemme) è sembrata l’occasione giusta perché a parlare nel Giorno della 'Memoria' per una volta non siano gli studiosi e i cultori della 'memoria' della Shoah, ma dei veri magistrati impegnati quotidianamente nelle aule dei processi. Un punto di vista senz’altro inedito e inconsueto, quando ancora oggi si parla così spesso del clamore della teoria della 'banalità del male' di Hanna Arendt, e allorché si è di nuovo costretti a riflettere sulla possibilità di 'fare giustizia' quando vi sono in ballo delitti contro l’umanità, come nei casi della ex Jugoslavia o, più recentemente, gli attuali eventi drammatici della Siria... Partecipano: Tommaso S. Sciascia - già presidente del Tribunale di Frosinone, Girolamo Lanzillotto - già presidente del Tribunale di Terni, Federico Bona Galvagno - giudice del Tribunale di TerniGiuseppe de Falco - procuratore capo di Frosinone, Livio Crescenzi - curatore dell'opera.I quattro volumi dedicati al processo Eichmann della casa editrice Mattioli 1885, a cura di Livio Crescenzi: cinquanta chili d’oro. Gli Ebrei, i nazisti, gli italiani, dedicato al capitolo italiano del processo, con una deposizione inedita di Primo Levi e una testimonianza anch’essa inedita di Herbert Kappler, l’autore dell’eccidio delle Fosse Ardeatine; Un fiore mi chiama. I bambini. I grandi nemici del Reich tedesco, dedicato all’infanzia e all’adolescenza nell’ambito del processo; Posso stare in piedi. 22 deposizioni, 22 vite, 22 storie di donne e delle loro famiglie, dedicato alle 22 testimoni donne del processo; Imputato Eichmann. Interrogatori e controinterrogatori dello spedizioniere della morte.Auditorium Palazzo Gazzoli ore 21. Ti ricordi, Sara?, recital di canti e racconti ebraici scritto e interpretato da Caterina Venturini, accompagnata dal musicista ternano Fabio Ceccarelli organizzato dal centro dei Diritti Umani e dall’associazione il Progetto. Recital di canti e racconti ebraici scritto e interpretato da Caterina Venturini, accompagnata dal musicista ternano Fabio Ceccarelli, già prima fisarmonica dell’orchestra RAI, e collaboratore stabile di Nicola Piovani. Lo spettacolo consiste è un breve percorso attraverso la cultura ebraica tra scrittura e musica: poesie, leggende, canti e racconti della tradizione umoristica yiddish. Il sorriso e l’ironia come strumento di resistenza all’oppressione, in un profondo desiderio di pace.Il recital è stato presentato al Teatro Vascello di Roma e quindi in molte altre città italiane, ed è stato selezionato per la Giornata Europea della Cultura Ebraica a Bologna e rappresentato in tante prestigiose rassegne di teatro musicale da camera e presso la rassegna “Voci dal Ghetto” di Trieste.“Le iniziative proposte per celebrare il giorno della memoria – dichiara l’assessore alla Cultura Tiziana De Angelis – sono tutti appuntamenti di grande qualità e valore, uniti dal comune scopo di coltivare il senso del ricordo, tenerlo vivo per non dimenticare ma allo stesso tempo, riflettere sui conflitti attuali e sulla natura umana. Quest’anno la giornata dedicata alla memoria – prosegue l’assessore - vede impegnati nel medesimo compito studenti, magistrati, insegnanti, studiosi, attori e musicisti, ognuno chiamato a dare il proprio punto di vista su uno dei periodi più terribili della storia, purtroppo ancora replicato e ripetuto.  Rivolgo un profondo ringraziamento – conclude l’assessore –  al Centro per i Diritti Umani e all’Associazione Il Progetto, realtà culturali tra le più vive e longeve in città, da sempre impegnate nella produzione di spettacoli sui temi della Shoah che, malgrado le difficili condizioni di lavoro legate alla questione degli spazi ancora in via di risoluzione, anche questo anno sono riusciti ad offrire una produzione di grande spessore. E ancora il dirigente scolastico del liceo scientifico Donatelli, gli ospiti che parteciperanno all’incontro con gli studenti, i protagonisti dei Fori di Terni e Frosinone e tutti gli organizzatori delle proposte offerte con cui la città potrà confrontarsi". Manifesto digitale