Primo Piano

Stagione di prosa 2020/2021

(ufficio stampa) – La stagione di Prosa, organizzata dal Teatro Stabile dell'Umbria e dall'assessorato alla Cultura del Comune di Terni, riparte con un Avanprogramma di tre appuntamenti che si terranno al Teatro Secci dai primi di novembre alla metà di dicembre.
Aprirà il cartellone sabato 7 e domenica 8 novembre l’ex campione del mondo di pallavolo Andrea Zorzi con La leggenda del pallavolista volante, per la regia di Nicola Zavagli. A seguire, venerdì 20 e sabato 21 novembre, una nuova produzione del Teatro Stabile dell’Umbria per il 2020, Raffaello. Il figlio del vento, di e con Matthias Martelli. 
Da venerdì 11 a lunedì 14 dicembre, Liv Ferracchiati porterà sul palco il terzo spettacolo, La tragedia è finità, Platonov, tratto dall’omonimo testo di Anton Checov.
Al fine di evitare assembramenti, è consigliato l’acquisto dei biglietti online www.teatrostabile.umbria.it a partire dal 26 ottobre.
E’ possibile inoltre acquistare i biglietti al botteghino centrale del Caos, viale Campofregoso 116, a partire da giovedì 29 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, tel. 0744 1031864. I biglietti possono anche essere prenotati telefonicamente da lunedì 26 ottobre al botteghino telefonico regionale tel. 075 57542222 dal lunedì al sabato dalle 16 alle 20. Il biglietto andrà ritirato presso il botteghino entro il giorno precedente la data prescelta.
Gli abbonati della scorsa Stagione potranno acquistare i biglietti da giovedì 15 a domenica 18 e da giovedì 22 a domenica 25 ottobre, al botteghino centrale dal Caos dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.
Il prezzo intero per la platea è di € 21, ridotto*(*sotto i 26 e sopra i 60 anni) € 18; per la tribuna, intero € 15, ridotto* € 12. 
I prezzi riservati agli abbonati della scorsa stagione per la platea è di € 15, ridotto* € 12; per la tribuna € 10, ridotto* € 8. (*sotto i 26 e sopra i 60 anni)
Il Teatro Stabile dell’Umbria ha attuato tutte le necessarie misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 a salvaguardia degli spettatori, degli artisti e dei tecnici riducendo la capienza del teatro a 135 posti, prevedendo il controllo della temperatura corporea all’ingresso, sanificando il teatro dopo ogni replica.
Gli spettatori dovranno presentarsi con una propria mascherina indossata che potranno togliere solo una volta seduti al proprio posto, troveranno all’interno del teatro erogatori di gel igienizzante per le mani e dovranno sempre rispettare la distanza di almeno 1 metro, ad eccezione di familiari e congiunti.

Programma

Galleria fotografica