Notizia

“Per San Valentino un atto d’amore per la città: il rispetto delle norme anti-covid”

“Per San Valentino un atto d’amore per la città: il rispetto delle norme anti-covid”

(Ufficio Stampa/Acot) – “La città di Terni si appresta a celebrare il suo Santo Patrono, San Valentino, in una situazione purtroppo inedita, ancora nel pieno della pandemia che non sta risparmiando la nostra regione. Per questo sarà un San Valentino particolare, senza ospiti, senza eventi pubblici e con molte – e aggiungerei opportune – restrizioni. Sarà dunque una festa più intima e dedicata alla riflessione religiosa, per chi lo vuole, o anche ai sentimenti dell’amore dei quali San Valentino è simbolo, da Terni nel mondo intero”. Lo dichiara il sindaco Leonardo Latini in una nota diffusa stamattina.
“Perciò – continua il sindaco - vi chiedo, in questo fine settimana, di attenervi tutti ad un comportamento responsabile e di rispettare alla lettera le prescrizioni per il contenimento del Covid. L’Umbria, come sapete, è in buona parte in zona rossa e le nostre strutture sanitarie, i medici e l’intero personale degli ospedali stanno compiendo uno sforzo eccezionale per prestare assistenza a tutti i malati”. 
“Serve, proprio nel nome di San Valentino, un atto d’amore particolare, verso il personale della sanità, verso i nostri cari, verso le persone più fragili e i nostri anziani. Evitiamo assembramenti e comportamenti disinvolti che possano contribuire a far innalzare la curva dei contagi anche a Terni: non ce lo possiamo permettere. Così come abbiamo definito in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e nel conseguente tavolo tecnico convocato dal Questore Massucci e al quale ha preso parte l’assessore Fatale, ci saranno maggiori controlli nel fine settimana per verificare l’osservanza delle norme anti-Covid. Siamo in una fase cruciale della lotta al Covid e per questo serve un grande impegno da parte di tutti, accompagnato dall’amore e dal rispetto per gli altri e per la città. Nel nome di San Valentino. Buona festa del Patrono!”.

(foto dell'ufficio stampa della Diocesi di Terni-Narni-Amelia)
 

GLD - Ufficio Stampa/Acot