Primo Piano

Covid: le misure

(ufficio stampa) - Le misure per contrastare la nuova fase di emergenza legata alla pandemia Covid-19 sono disciplinate, alla data del 10 novembre 2010,  da quattro provvedimenti:
il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) del 3 novembre 2020;
l'ordinanza della Presidente della Regione che resterà in vigore fino al 14 novembre;
l'ordinanza della Presidente della Regione  che resterà in vigore fino al 14 novembre e che riguarda la chiusura domenicale degli esercizi commerciali e il divieto di manifestazioni sportive;
l'ordinanza della Presidente della Regione del 30 ottobre con la quale si sospende la didattica in presenza nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Il COMUNE DI TERNI ha seguito tutti i provvedimenti contenuti nei Dpcm che si sono susseguiti dall'8 marzo 2020 e ha ripreso tutte le notizie necessarie ad una migliore gestione dell'emergenza pandemica https://www.comune.terni.it/coronavirus-notizie-provvedimenti:
Il sindaco Leonardo Latini nell'ambito delle misure di contrasto al Covid ha disciplinato l'oprario di apertura e chiusura dei parchi cittadini con una ordinanza del 23 ottobre 2020.
Per un supporto telefonico alla popolazione la direzione Welfare comunica che il numero verde 800737073 è attivo con tre linee telefoniche dalle ore 8 alle 17.30.
Per lo smaltimento dei rifiuti delle persone che sono a casa con il Covid, la direzione Ambiente, in collaborazione con Asm, ha attivato un nuovo servizio al fine di snellire la procedura e fronteggiare l'aumento dei casi.

In breve i provvedimenti della REGIONE DELL'UMBRIA:
contingentare le presenze nei centri commerciali, i quali, insieme agli esercizi commerciali, la domenica sono chiusi;
portare al 60 per cento la capienza massima per i trasporti pubblici;
grazie all’attivazione della didattica a distanza, al 50 per cento la presenza in aula degli studenti delle scuole superiori;
sospendere l’attività per le sale scommesse; 
sospendere le manifestazioni sportive di carattere regionale, provinciale e locale
sospensione dell'attività didattica in presenza per le scuole secondarie di primo e secondo grado, consentita la didattica a distanza

Il nuovo provvedimento del GOVERNO modula le misure di contrasto al Covid in base alla gravità della situazione nelle singole realtà regionali, con tre pacchetti di azioni diverssi tra di loro a seconda del "colore" (area rossa, arancione, gialla) di allarme della regione:
Le nuove regole del DPCM del 3 novembre 2021
Umbria - Area arancione. 
Dall'11 novembre fino al 3 dicembre sono in vigore le seguenti misure:
   Spostamenti:
Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.
Vietati 24 ore su 24 gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune (per esempio andare all’ufficio postale o a fare la spesa, se non ci sono tali uffici o punti vendita nel proprio Comune).
Per spostamenti verso altri Comuni, nonché dalle 22 alle 5 anche all’interno del proprio comune, si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione.
Consentiti gli spostamenti esclusivamente all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22, senza necessità di motivare lo spostamento.
E’ fortemente raccomandato evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all'interno del proprio Comune.
Consentiti gli spostamenti, verso qualsiasi area, che siano strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, se prevista.
È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

-  Attività commerciali:
Ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario.
Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.
 Attività culturali e ricreative:
 Sospesi mostre, attività di teatri, cinema, sale da concerto e servizi di aperture al pubblico di musei e biblioteche.
 Chiusi palestre, piscine, centri benessere, centri sociali, ricreativi, culturali, sale scommesse, bingo, slot machine anche nei bar e tabaccherie.
-   Scuola:
Mascherina obbligatoria dei 6 anni in su.
Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie (In Umbria resta valida l’ordinanza della Presidente della Regione che estende l’obbligo della didattica a distanza anche alle scuole medie).
Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori.
-  Trasporto pubblico:
E' consentito nel limite massimo di capienza del 50 %.