Nido d'infanzia Coccinella

Nido d'infanzia Coccinella

Il nido d’infanzia Coccinella, in seguito all’emergenza improvvisa, ha rivisto e rimodulato gli obiettivi formativi in relazione alle nuove esigenze e modalità di lavoro, ed ha programmato ciò che era possibile realizzare, tenendo in considerazione:

  • La nuova modalità di svolgimento delle attività;
  • Le competenze dei bambini;
  • Gli strumenti a disposizione delle famiglie e la loro capacità di utilizzarli.

Nella prima parte di questa programmazione le educatrici si sono confrontate fra loro per individuare un linguaggio mediatico che fosse semplice e di facile accesso per le famiglie, individuandolo in Google Classroom, strumento che ha determinato un feedback positivo da parte dei genitori che, dopo aver visionato le attività proposte, hanno inviato video e fotografie dei loro bambini che, entusiasti, eseguivano i vari progetti.

Le attività proposte sono state:

  • Nell’attività “stampini con frutta e verdura” è stato illustrato, ai genitori ed ai bambini, come realizzare bellissimi disegni di coccinelle e prati fioriti utilizzando mele e patate  come fossero pennelli.

Come disegnare con mele e patate

  • Nelle attività dedicate ai “lavoretti di pasqua” le maestre hanno proposto ai bambini e ai loro genitori, la realizzazione di piccoli elaborati grafici utilizzando materiali di uso comune, tappi di sughero, farina di granturco, carta di varie consistenze, carta colorata, tempera, ecc…

Come realizzare bellissime opere di Pasqua con materiali comuni

  • La narrazione e la drammatizzazione della storia “storia di un puntino che si credeva un re”, una storia raccontata per spiegare ai bambini l’emergenza Coronavirus con serenità e consapevolezza.

Leggi la storia di un puntino che si credeva re

 

  • Nell’attività “lettura di storie” le maestre hanno proposto video letture tratte dal libro di Mario Gomboli “Come siamo fatti” (Carlo Alberto Michelini e Gomboli Mario, Come siamo fatti, La Coccinella editrice, 1990), per raccontare ai bambini, in modo semplice, come è fatto il corpo umano. Conoscere il nostro corpo significa conoscere noi stessi; più ci conosciamo, meglio possiamo vivere.

 

  • Nell’attività “Le nostre canzoni” le insegnanti hanno riproposto ai bambini le canzoncine che ogni giorno venivano cantate a scuola durante la routine del “cerchio magico”: Whisky ragnetto, l’austriaco felice, Carletto, il topolino, l’anatroccolo.

 

Guarda le proposte dei bambini