Notizia

"Su Villalago interrogazione copia e incolla di M5s"

(ufficio stampa) - "Sorprende enormemente - dichiara in una nota la consigliera Monia Santini - venire a conoscenza di un’interrogazione del Movimento 5 Stelle presentata nella seduta del consiglio comunale del 28 maggio dal capogruppo Pasculli con oggetto Villalago - tra l’altro per un semplice refuso chiamata Villapalma - un atto che da subito, nei suoi contenuti, ha fatto risuonare nelle  miei orecchie qualcosa di molto familiare.
L’interrogazione chiede conto a giunta e sindaco se intendano dialogare con la provincia di Terni per chiarire dei punti che sono risuonati alla mia memoria come già noti: se ad oggi la società che detiene l’appalto abbia rispettato i termini sottoscritti con l’ente, se il parco abbia mantenuto la pubblica fruizione; se siano avvenuti sopralluoghi volti a valutare lo stato di vulnerabilità sismica di Villa Franchetti…….se siano stati effettuati sopralluoghi, con una rilevazione sul campo per verificare la correttezza e il rispetto delle norme.
In data 19 maggio, esattamente 10 giorni prima della presentazione dell’interrogazione del M5s, in consiglio provinciale ho presentato  – in qualità di consigliere provinciale eletta nel febbraio 2019, carica che mi ha permesso di innoltare immediatamente un atto di indirizzo sulla situazione di Villalago – un ulteriore atto di indirizzo sull’argomento, in particolare sulle sorti della beneamata Villalago ormai da anni chiusa e in attesa di giusta e dovuta riqualificazione. Un documento che sono pronta a far visionare a chiunque in maniera tale che chiunque possa rendersi conto del copia e incolla del M5s".  
"Nel mio atto di indirizzo - prosegue la consigliera Monia Santini -  chiedevo, tra l'altro,  l'impegno del presidente della provincia e  del consiglio provinciale ad effettuare e rendere noti approfondimenti sullo stato attuale dei rapporti tra provincia, comune e la società appaltante Ia Delta Service srl al riguardo dello stato di fatto della proprietà Villalago, sullo stato effettivo del bene di proprietà della provincia attraverso eventuale sopralluogo effettuato in presenza di personale competente qualificato nel settore, su eventuali inadempienze contrattuali da parte della Delta Service  e in caso affermativo come sono state affrontate". 
"Tornando alla interrogazione dei Cinque stelle, premettendo  che di tutti i componenti della triste storia che ha visto come protagonista la meravigliosa sede di Villalago – Provincia, Comune di Terni, Comunità Montana, Soprintendenza – di sicuro il comune di Terni è quello ha minori competenze, in quanto l'unica proprietaria è la provincia di Terni, suona davvero strumentale - conclude la consigliera di Fdi - questo passaggio forzato del M5s in sede comunale così come suona strano il fatto che gli stessi non fossero al corrente del mio atto di indirizzo riportato da moltissime testate locali nella maggior parte dei casi nella sua interezza.  Il M5s è sempre molto informato sugli argomenti che riguardano l’ambiente e la sua salvaguardia, quindi penso proprio che il mio atto non gli sia sfuggito". 
 

SPA - Ufficio Stampa/Agit