Notizia

Dai Sec una risposta all’emergenza tarata per i più piccoli

Dai Sec una risposta all’emergenza tarata per i più piccoli

(Ufficio Stampa/Acot) - Allo scopo di fornire una testimonianza di presenza viva della scuola nella comunità, che sia di aiuto concreto ai genitori e un invito al gioco condiviso per i bambini e le bambine, i servizi educativi comunali non si sono fermati durante il periodo di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, ma grazie ad uno sforzo condiviso, le insegnanti e le educatrici hanno continuato a promuovere, tramite le proprie competenze e possibilità digitali, la comunicazione con i bambini, le bambine e le famiglie che frequentano le scuole comunali. L’impegno delle insegnanti e delle educatrici, rivolto al benessere dei bambini e delle bambine di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni, si è espresso con una serie di semplici proposte realizzate da loro stesse: pillole audio, brevi video, file da stampare, piccole esperienze da realizzare in casa o semplici applicazioni per giocare. Sono tutte attività pensate e presentate ai piccoli utenti in modo giocoso, in continuità con la programmazione didattica del servizio.
“Il cambiamento improvviso delle relazioni sociali e lavorative e delle abitudini personali imposto dall'emergenza sanitaria - scrive la Direzione istruzione e cultura del Comune di Terni - ha provocato una frattura al senso di continuità della nostra esistenza. Risentono di questi cambiamenti in modo particolare i bambini, che percepiscono empaticamente i nervosismi, i timori, il senso di vulnerabilità e di solitudine, generati negli animi in seguito all’esperienza vissuta in questi giorni.”
"Desidero esprimere – dichiara l’assessore comunale alla scuola Cinzia Fabrizi -  un ringraziamento a tutto il personale del SEC che ha saputo trovare il modo di far sentire la propria vicinanza ai bambini e alle loro famiglie anche in questo momento particolare. Rivolgo un caro saluto a tutte le famiglie e ai bambini in età prescolare della città perché per i più piccoli, questo momento di distanziamento sociale, è particolarmente faticoso. Spero che la Santa Pasqua possa essere  comunque un momento di serenità e di Pace e possa infondere speranza nei cuori di tutti."

SN - Ufficio Stampa/Acot