Servizi

Barriere architettoniche

Superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Le domande per la concessione del contributo vanno presentate in carta da bollo dal portatore di handicap, ovvero da chi ne esercita la tutela o la podestà, per l’immobile nel quale egli ha la residenza abituale e per ogni opera che elimina ostacoli alla sua mobilità.
Per ogni domanda può essere erogato un solo contributo e può riguardare anche opere funzionalmente connesse, in ogni caso le stesse non devono essere già esistenti o in fase di realizzazione.
Il termine della presentazione della domanda è fissato al 1° marzo di ciascun anno.

Alla richiesta di contributo deve essere allegato:
1. il certificato medico in carta semplice redatto dal medico curante, attestante l’handicap del richiedente;
2. il certificato dell’ASL attestante l’invalidità totale con difficoltà di deambulazione, ovvero la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante il riconoscimento dell’invalidità del soggetto richiedente.
3. copia del documento di riconoscimento in corso di validità.

Liquidazione:
Successivamente alla disponibilità finanziaria di questo Ente, sulla base delle erogazioni effettuate dalla Regione Umbria, si procederà alla liquidazione del contributo.
Al fine di disporre la liquidazione del contributo dovrà essere trasmessa la seguente documentazione:
1. gli estremi del titolo abilitativo edilizio (Permesso di Costruire, D.I.A., S.C.I.A. o Attività Edilizia Libera), qualora dovuto;
2. la dichiarazione di ultimazione dei lavori;
3. la/e fattura/e debitamente quietanzata/e riportante la chiara indicazione dei lavori di cui alla richiesta di contributo;
4. il numero di codice fiscale dell’avente diritto al contributo;
5. l’indicazione del metodo di pagamento del contributo (accredito su c/c bancario o c/c postale, e relative coordinate).

Scarica Moduli

Ufficio Competente