Notizia

Verde pubblico: assegnata la nuova gara, lavori al via

Verde pubblico: assegnata la nuova gara, lavori al via

(Ufficio Stampa/Acot) - E’ stata assegnata la nuova gara per il verde pubblico che consentirà l’esecuzione di una lunga e articolata serie di attività per la tutela e la manutenzione di giardini, parchi e verde stradale in tutta la città, dal centro ai quartieri. L’attività di manutenzione della ditta che si è aggiudicata la gara si sommerà a quella dell’Afor, l’Agenzia Forestale, che continuerà a occuparsi anch’essa della manutenzione del verde pubblico di propria competenza.
A queste attività si affiancheranno, seppur in maniera occasionale e volontaristica, come da sempre, quelle delle associazioni che hanno sottoscritto patti di collaborazione con il Comune di Terni, o sono iscritte all’elenco dei volontari del Comune di Terni. Le associazioni svolgono attività di manutenzione ordinaria di supporto, non confliggenti con la programmazione generale degli interventi sul verde, per le quali l’amministrazione comunale, tramite gli assessori al verde pubblico Benedetta Salvati e al sociale Marco Cecconi, ringrazia ancora le associazioni stesse per la sensibilità dimostrata verso i beni comuni della città e la tutela del verde pubblico e per l’esempio di civismo.
Per quel che riguarda la gara appena aggiudicata per la manutenzione del verde, gli interventi, per un importo di circa 140mila euro inizieranno subito e riguarderanno il taglio dell’erba su un totale di circa 233.000 metri quadrati. In particolare: il taglio dell’erba in aiole, scarpate, piazze, mercatini rionali, area sosta camper per un totale di oltre 61.000 metri quadrati; lo sfalcio dell’erba nei giardini di competenza comunale per un totale complessivo di circa 54.000 metri quadrati; il taglio dell’erba e la manutenzione dei prati dei parchi comunali per oltre 57.000 metri quadrati; lo sfalcio dell’erba nelle aree circostanti i parcheggi per oltre 18.000 metri quadrati; lo sfalcio nelle rotatorie stradali per circa 3.500 metri quadrati e nelle aiole spartitraffico per 29.000 metri quadrati; lo sfalcio dell’erba su terreni incolti di proprietà comunale per 13.000 metri quadrati.
A questa attività si aggiungono, sempre comprese nella gara appena assegnata, quelle relative alla manutenzione degli impianti d’irrigazione su oltre 24.000 metri quadrati; la pulizia dei laghetti per 700 metri quadrati; la manutenzione del verde stradale per quasi 90.000 metri quadrati; le zappettature le spollonature in 33 vie; la potatura dei cespugli e delle siepi in 43 vie.
 “Abbiamo lavorato in questi mesi – dice l’assessore al verde Benedetta Salvati - per restituire alla città una situazione di normalità e di decoro anche per quel che riguarda il verde pubblico, nella piena consapevolezza di quanto il verde sia importante in assoluto per la qualità della vita dei cittadini e di quanto lo sia in particolare in una città come Terni, specie nei mesi estivi. Sia personalmente come assessore che come amministrazione attraverso i nostri tecnici, continueremo a verificare giorno per giorno il buon esito degli interventi e a tenere in considerazione, nei limiti del possibile, le segnalazioni che ci arrivano dai cittadini”.
“Tra l’assessorato al verde pubblico e l’assessorato al sociale c’è una programmazione comune – aggiunge l’assessore al sociale Marco Cecconi -  con la massima considerazione per il decoro urbano e per il coinvolgimento dei cittadini, nell’ambito delle forme di partecipazione previste e sempre più auspicabili”. “In questo senso – sottolinea l’assessore Cecconi – le attività delle associazioni di volontariato che collaborano per la cura del verde si svolgono nel rispetto delle norme e con tutte le coperture assicurative, come previsto dai patti di collaborazione sottoscritti dalle associazioni stesse con l’amministrazione comunale”. “In particolare i piccoli interventi di manutenzione messi in atto rispondono anche ad esigenze specifiche e vengono eseguiti, d’accordo con l’Amministrazione, per rispondere a segnalazioni raccolte dall’Amministrazione stessa, come nel caso della spollonatura di viale Trieste, per liberare il marciapiede e consentire il transito dei pedoni e delle carrozzine”.

GLD - Ufficio Stampa/Acot