Notizia

"Terni nelle città green passo per nuove politiche ambientali"

(ufficio stampa) - "Gli atti in materia ambientale che avevo presentato e che sono stati discussi nella seduta del Consiglio comunale di ieri - dichiara il capogruppo di Senso Civico Alessandro Gentiletti - rappresentano un ottimo punto di partenza per dare vita anche nella nostra città a quelle politiche ambientali che i Ternani chiedono a gran voce per tutelare la salute  e il nostro ambiente.  Significativa la presenza costante di molti giovani fra il pubblico, che si sono avvicendati fino a tardi per assistere alla seduta e con i quali ho potuto interloquire durante i lavori, beneficiando del loro supporto ed entusiasmo. Ringrazio in particolare gli appartenenti ai movimenti universitari, a Fridays For Future e agli associati di Terni Valley, che ispirano costantemente il mio impegno e il mio lavoro in Consiglio comunale. Tutti loro sono la prova e il segno che la nostra è una città viva e che le sue giovani generazioni sono in grado di cambiarla:  basta ascoltarle!
In questo senso, la decisione del Consiglio di approvare subito l'atto sull'adattamento climatico è un segnale molto positivo. Il grande consenso raccolto è un segno di rispetto e attenzione verso la città e verso le sue componenti più giovani e attive!
Con l'atto approvato si è impegnata l'amministrazione a sottoscrivere la Dichiarazione per l'adattamento climatico delle green city promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, ad attuarla e ad assumere gli impegni contenuti.
Si è impegnata così l'amministrazione ad avviare un tavolo di studio con tutte le associazioni ambientali e con la rete locale di Fridays For Future e a redigere un piano che affronti e descriva le principali emergenze climatiche del territorio , che permetta di raggiungere gli obiettivi dei punti della dichiarazioni e che fornisca una base solida per ricercare finanziamenti e fondi nazionali, europei ed internazionali per attuarli quanto prima. Questo ultimo aspetto si è reso particolarmente necessario visti i fenomeni climatici che hanno interessato anche recentemente la nostra città, che ne rendono ingestibili alcune parti e la necessità di affrontarli per migliorare la qualità della vita dei cittadini.
Alla luce della discussione maturata in aula, ho condiviso la decisione di rinviare gli altri due atti - la tutela della biodiversità e l'apicoltura e la dichiaraazione dello stato di emergenza climatica ed ambientale -  raccogliendo cosi l'invito della maggioranza, perché le motivazioni con le quali la richiesta è stata avanzata rientrano nel segno dell'ascolto, partecipazione e condivisione".

SPA - Ufficio Stampa/Agit