Notizia

Sedi associazioni e centri sociali: rinnovo fino al 2019

(ufficio stampa) – Questa mattina la giunta comunale ha approvato le linee operative per l’affidamento fino al 2019 delle sedi comunali assegnate ai Centri Sociali e alle associazioni di volontariato e di promozione sociale. Il provvedimento, che riguarda oltre venti soggetti, passa ora all’esame del consiglio comunale. La delibera dà mandato alla direzione Servizi Sociali di dar luogo alla stipula di Accordi di programma  e a Protocolli operativi in merito ai servizi di aggregazione e volontariato rivolti alla comunità cittadina, altresì demanda alla direzione Patrimonio di stipulare i contratti di comodato gratuito o di locazione agevolata.
“Abbiamo voluto – dichiara il vicesindaco con delega al Welfare Francesca Malafoglia  - dare maggiori certezze ai tanti centri sociali e alle associazioni  che tanto si spendono per la città in tutte le sue articolazioni, nella terza età, nella inclusione sociale, nel volontariato, nella assistenza scolastica, che hanno insomma dato un contributo fattivo al welfare cittadino. Abbiamo ritenuto  di uniformare le scadenze per tutti i soggetti interessati quale elemento di parità di trattamento, nonché  di dar luogo a una puntuale ricognizione di tutte le situazioni in essere, ponendo molta attenzione allo stato dei locali, agli obblighi di manutenzione e di  responsabilità delle utenze. Tutto questo previa verifica, da parte di un’ apposita commissione tecnica, del rispetto degli accordi precedentemente sottoscritti e dell’effettiva offerta dei servizi previsti. La delibera dei giunta è infatti solo una tappa di un percorso amministrativo che è stato avviato e realizzato nei mesi scorsi”.
“Abbiamo ritenuto – prosegue il vicesindaco -  che sia necessario il contributo e la valutazione del Consiglio Comunale, quale soggetto di rappresentanza complessiva della comunità cittadina. Tutto questo in attesa del bando pubblico che si andrà a redigere al termine di un percorso amministrativo incentrato sulla partecipazione e sull’ascolto di tutti i soggetti interessati, cioè la totalità del tessuto associativo e dei centri sociali, tutti coloro che ritengono dunque di avere i presupposti per il conferimento di una sede pubblica. Sottolineo, infine, che da qui al 2019 saranno valutate con attenzione eventuali richieste di accesso a sedi pubbliche tenendo conto che l’attuale atto di rinnovo prevede forme di accoglienza da parte dei momentanei assegnatari”.

SPA - Ufficio Stampa/Agit