Notizia

Parcheggi blu, operatori in strada per spiegare i nuovi sistemi

Parcheggi blu, operatori in strada per spiegare i nuovi sistemi

(Ufficio Stampa/Acot) - Venerdi 7 e sabato 8 e lunedi 10 giugno, dalle ore 17 alle 19 nei pressi dei parcometri in zona Piazza Dalmazia, Via Nazario Sauro, Corso del Popolo, Via dell’Annunziata Piazza Ridolfi il personale di Terni Reti sarà a disposizione dei cittadini per far conoscere i nuovi sistemi di pagamento per i parcheggi con strisce blu.
Il pagamento della sosta può essere effettuato con Carte di credito/Bancomat oppure tramite un’apposita App, utilizzando il proprio cellulare.
“L’utilizzo della app – sottolineano gli assessori Stefano Fatale e Benedetta Salvati - aiuta gli automobilisti a risparmiare tempo e denaro e contribuisce a fare di Terni una città più smart”.
Il personale di Terni Reti aiuterà a scaricare le applicazioni e seguirà il cittadino lungo tutte le fasi necessarie all’utilizzo dell’applicazione e sarà a disposizione per fornire ogni tipo di informazione relativa ai parcheggi di superficie.

Terni Reti srl società in house del Comune di Terni che ha in affido la gestione dei verbali redatti per violazioni accertate al D.L.vo 285/1192 adeguandosi alla circolare del Ministero dell’Interno n. 300/A/1500/18/127/9  del 20/02/2018 provvede inoltre alla notificazione dei verbali a mezzo Pec.
Gli atti possono essere notificati via PEC alle società, ai liberi professionisti, agli enti pubblici e a tutti i privati in possesso di una PEC.
Per i privati è necessario comunicare il proprio indirizzo PEC al Comune di Terni; per tutti gli altri soggetti, gli indirizzi PEC attivi sono importati direttamente dalle banche dati.
Il Comune di Terni emette circa 70.000 verbali ogni anno e il 20% - fanno sapere da TerniReti - sono notificabili via PEC.
I benefici per il Comune di Terni sono l’invio e la notifica immediata dell’atto con riduzione dei tempi di consegna; l’azzeramento del costo di invio e di notifica dell’atto tramite Poste Italiane (raccomandata Cad e Can) utilizzando i dati del 2018,
Il risparmio delle spese di notifica si aggira intorno a Euro 150.000/anno
I benefici per il cittadino sono la ricezione immediata sulla casella di posta elettronica certificata, la riduzione delle spese di notifica da € 13,08 a € 4.
 

GLD - Ufficio Stampa/Acot