Notizia

Palasport: arriva l'offerta di chi vuole farlo

(ufficio stampa) – Dei due operatori economici che hanno risposto all’invito pubblico per la realizzazione del Palasport, opera che prevede un investimento strutturale di 18 milioni di eurio, è stata la Salc spa, gruppo milanese, il soggetto che ieri ha risposto, entro il termine di scadenza, presentando una offerta composita. Quest'ultima ora sarà al vaglio della Commissione di gara, una volta effettuata la verifica di controllo del materiale pervenuto. Il gruppo imprenditoriale, di rilevanza nazionale aveva già manifestato la disponibilità ad investire sul territorio e sul progetto, rispondendo all’invito pubblico, primo stadio della procedura di gara, sulla base dello studio di fattibilità predisposto dal Comune. Oggi c’è l’operatore economico pronto a investire 15 milioni e 400 mila euro per un conto economico di 38 milioni di euro di cui 3.200.000 spettanti al Comune a fronte di una concessione di 30 anni. La Salc ha presentato una offerta composta da un progetto di fattibilità tecnico-economica e da un progetto di gestione e una parte economica. Venerdì saranno espletate tutte le fasi di verifica della esistenza e della correttezza dei documenti presentati. Una volta terminata questa fase sarà istituita la Commissione di gara per l’aggiudicazione della gara secondo i criteri del vantaggio economico e dei tempi di realizzazione. Saranno a carico del soggetto operatore tutti gli oneri relativi ai diversi aspetti dell’elaborazione delle fasi progettuali, dell’esecuzione dei lavori (compresa la delocalizzazione e realizzazione altrove delle strutture attualmente presenti sull’area e la realizzazione di strutture extrasportive in una superficie di 5000 mq), la manutenzione, e la gestione per un massimo di 30 anni, come contropartita per l’investimento.
“La risposta concreta da parte di un gruppo imprenditoriale di caratura nazionale – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Sandro Corradi – ci rende orgogliosi e soddisfatti per due ordini di ragioni. La prima è che lo studio di fattibilità presentato dall’Amministrazione e dagli uffici tecnici è stato degno di nota ed ha costituito la base sulla quale gruppi imprenditoriali seri hanno manifestato il loro interesse. Per questo voglio ringraziare il mio predecessore Stefano Bucari ed il collega Giacchetti che hanno seguito lo studio di fattibilità, il progetto ed il bando fin dalle prime battute, facendo un ottimo lavoro. La seconda ragione sta nel fatto che questa concreta possibilità di realizzazione del Palasport rappresenta una opportunità per Terni che finalmente potrà vedere realizzata una opera che avrà una parte fondamentale nel futuro in termini di capacità di attrazione. Sarà infatti la sede di eventi sportivi, agonistici, culturali, convegni e concerti, elementi imprescindibili per una concreta crescita della città”.
Il Palasport ospiterà 4000 posti a sedere per un totale di 5.600 su un area di 5.600 mq. Tre edifici che circoscriveranno una grande piazza, raggiungibile da aree e percorsi pedonali, pensati per vivere una area verde, servita ed attrezzata, che si estenderà per 5500 mq in uno spazio comunque centrale della città. Previsti 908 posti auto e 20 per disabili e ricariche per auto elettriche. Una linea blu di bus servirà giornalmente la struttura, accessibile anche attraverso una viabilità integrata, provvista pure di un parcheggio, anch’esso integrato. L’area centrale prevede la superficie per il mercato settimanale con 150 posti per 1000 mq. L’interno del Palasport sarà dotato di un atrio, due gradinate laterali, un ballatoio frontale con vista verso l’esterno, verso l’interno e verso l’atrio ingresso, una sala regia e una per la tribuna stampa.

 

SPA - Ufficio Stampa/Agit