Notizia

Nuova vita per le due centrifughe dell'ex Bosco al Caos

Nuova vita per le due centrifughe dell'ex Bosco al Caos

(Ufficio Stampa/Acot) – Ieri sono state collocate ed illuminate all’ingresso del Caos-Centro Arti opificio Siri, due centrifughe della ex Società Bosco con una semplice cerimonia. I due reperti di archeologia industriale sono stati salvati dalla ruggine e dall’incuria che li stava trasformando in rottami ricoperti di immondizia. All’iniziativa erano presenti gli assessori Enrico Melasecche con delega all’arredo e al decoro urbano e l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati mentre il sindaco era impegnato a Roma per la vertenza della Treofan.
L’assessore Melasecche ha ricordato le alterne vicende della Bosco, "diventata da piccola officina fondata nei primi del ‘900 ad importante industria meccanica che dava lavoro a centinaia di maestranze specializzate ed esportava in tutto il mondo i propri brevetti fra cui quelle centrifughe per zuccherifici utilizzate per la lavorazione in continuo della melassa da cui venivano separati i cristalli dello zucchero dalla parte umida".
Presenti numerosi ex dipendenti delle ex officine Bosco, “emblema – ha sottolineato Melasecche – dell’ingegno di maestranze specializzate che hanno caratterizzato la storia industriale ed umana della nostra città”.
L’assessore Salvati, ha sottolineato come questa iniziativa costituisca un altro piccolo tassello nella battaglia congiunta che si sta conducendo contro l’abbandono generalizzato di rifiuti.
Entrambi hanno ringraziato il presidente dell’Asm di Terni Paolo Ricci, il direttore generale Stefano Tirinzi e le maestranze del settore elettrico presenti che hanno collaborato alla realizzazione dell’impianto di illuminazione. Il presidente dell'Asm ha ricordato gli eventi particolarmente significativi nati dalla collaborazione con l’assessorato ai lavori pubblici durante questi mesi. Nell’ambito dell’operazione “Luce dall’ASM, Terni e la sua storia” ideata appositamente per illuminare quei monumenti che costituiscono un patrimonio inestimabile della storia e della identità di Terni, sono stati infatti valorizzati il busto di Tacito, la torre delle antiche mura urbiche che protegge la statua della Madonna, la stele di Mastroianni, la facciata antichissima della chiesa di S. Cristoforo, l’Arco di Porta Sant’Angelo.
“Seguirà entro breve, come settima operazione – è stato ricordato – la sostituzione delle lampade della ridolfiana fontana romboidale di Piazza Europa, bruciate da anni".
I cittadini che volessero collaborare possono inviare le loro proposte all’assessorato ai lavori pubblici in modo da stabilire un elenco di priorità relative non solo al centro storico di Terni ma anche agli antichi borghi da preservare e valorizzare.

 

SN - Ufficio Stampa/Acot

Galleria fotografica