Evento

Giampiero Nucciarelli

Giampiero Nucciarelli

Data

dal 15 Dicembre 2018 al 13 Gennaio 2019

Orario

10:00

Luogo

Palazzo di Primavera Consulta la mappa salva data

Mostra
Giampiero Nucciarelli Opere 1959 – 2018
a cura di  Francesco Santaniello, Franco Profili

In collaborazione con Comune di Terni – Servizi Culturali e Alta Formazione, CavourArt Associazione, Madé Eventi

 

Giampiero Nucciarelli nasce a Terni nel 1938. I suoi impegni di lavoro lo portano, giovanissimo, a vivere per quasi un decennio in Alto Adige per cui, la pittura di quegli anni, come, con bella sintesi scrive Franca Calzavacca “(...) ha risentito dell’impatto determinante con l’espressionismo violento e sacrificale dei territori d’oltralpe e dei paesi nordici,per ancorarsi, in certo senso, alla profonda depressione baconiana che ha violato corpi ed anima con rimandi drammatici (...)” e lascerà un segno profondo nel suo fare artistico negli anni a venire. 
Nel 1973 fa definitivamente ritorno nella sua città natale. Nel 1990 aderisce all’associazione “Atelier Liberi” che in un quinquennio realizza una serie di mostre nelle sedi più prestigiose dell’Umbria: Todi, Sala delle Pietre; Gubbio, Palazzo dei Consoli; Narni, Chiesa di S. Domenico; Perugia, Ipso Art Gallery; Terni, Chiesa del Carmine; Acquasparta (Tr), Palazzo Cesi, in cui, unitamente alle opere degli artisti dell’associazione, vengono presentate le sculture di Sol Lewit, gli eccezionali lavori su carta di Leoncillo e una scultura inedita dello stesso.
Nel 1992 realizza una “Via Crucis“ per la chiesa dell’antico borgo di Sogna, frazione del Comune di Bucine (Ar).
Nel 1994 partecipa al premio biennale “Arte Mondadori”, in cui, l’opera “Rapaci“, selezionata dalla giuria tra 1400 concorrenti, viene premiata con targa d’argento a conclusione della mostra allestita presso la Finarte, casa d’aste di Milano.
In seguito la pittura di Nucciarelli procede per cicli:
2000 -  ciclo “Untitled”, opere realizzate a carboncino e grafite su cartone.
2003  - ciclo “Piogge Acide”.
2004  - ciclo “Iraq - Prigionieri e Ostaggi” in cui si ritrova tutta la forza espressiva, sia nel disegno che nel colore, dei dipinti degli anni ‘90 e “(...) dai quali emerge, come elemento angoscioso, la violenza dell’uomo sull’uomo” (M. Valeri).
2007 - ciclo “New York”, tecniche miste su cartone “(...) vedute urbane di metropoli disabitate e alienate da ardite prospettive, che sembrano la trasposizione postmoderna di certe atmosfere metafisiche” (F. Santaniello).
2009 - ciclo “Identità Negata”, tecniche miste su cartone “(...) figure, sagome di donne e uomini inghiottite dal silenzio, inserite in situazioni spazio-temporali indefinite e indefinibili”.
2013 - ciclo “Fotografare  l’Anima”, tecniche miste su cartone

Info utili:

Orari
dal martedì al venerdì 16-19 
sabato e domenica 10-13 / 16-19
lunedì chiuso

Per informazioni  0744 549728 - 0744 549726