Primo Piano

Dal riscaldamento al traffico: la lotta al Pm10

(ufficio stampa) - Una serie di interventi che l’Amministrazione Comunale ha inteso adottare dalla metà di gennaio per migliorare la qualità dell’aria e contrastare il fenomeno delle Pm10 che è preoccupante anche a Terni, come in tante altre città italiane.  Provvedimenti messi in atto dall’assessorato all’Ambiente, in collaborazione con Arpa, Usl2 e il tavolo ambientale interistituzionale. Provvedimenti  con la firma delle ordinanze che riguarderanno sia la viabilità che il riscaldamento domestico che lo smaltimento del materiale residuo delle potature. In merito al riscaldamento e al materiale di potature il 25 gennaio si sono aggiunte due nuove ordinanze che introducono alcuni correttivi, andando per gli impianti termici a premiare il funzionamento di quelli di nuova generazione e a combustione non particolarmente inquinanti; per l'incenerimento delle potature prevedendo alcune eccezioni.Il fenomeno delle polveri è dovuto (dati Arpa) per il 67% all’inquinamento dal riscaldamento domestico, il 17% da processi produttivi, il 13% dalla mobilità. Sia per le attività produttive che la mobilità il fenomeno è in regressione, mentre negli ultimi tre anni si è avuto un innalzamento dell’inquinamento da riscaldamento domestico. Tre i pacchetti delle misure adottate: riscaldamento domestico: contenimento della temperatura degli impianti termici, attestata a 18 gradi salvo eccezioni (ospedali, scuole, centri anziani ecc);  incentivi per circa 70 mila euro per l’ammodernamento degli impianti domestici; mobilità: introduzione di una zona di circolazione cosiddetta zero dove potranno circolare nei primi due giorni della settimana solo i veicoli euro 5, 6 e a trazione ecologica. La zona sarà più ampia dell’attuale Ztl ma escluderà i grandi parcheggi di attestamento e le strade che li collegano per consentire una corretta fruizione dei posti auto grazie anche agli incentivi sul pagamento della sosta sperimentati nel periodo delle festività natalizie  e  confermati dall’assessore anche per il 2016. Sarà introdotto il lavaggio delle strade così da contenere l’effetto sollevamento del Pm10. Per il corretto smaltimento del residui vegetali l’ordinanza vieta la combustione privata e ribadisce che l'Asm fornisce un servizio gratuito di ritiro e  smaltimento delle potature. “Abbiamo messo a punto un pacchetto  di interventi strutturali - dichiara Emilio Giacchetti -  che contiamo di ripetere nel corso degli anni per contrastare un fenomeno che è stato rilevato e che necessita di provvedimenti per la tutela della salute dei ternani. Le novità sono consistenti, ben al di la delle targhe alterne - superate da due anni dal piano regionale sulla qualità dell’aria - in un ottica di contrasto del Pm10 nei suoi effettivi generatori. Come amministrazione comunale siamo fortemente impegnati su questo versante, ci auguriamo che il nostro messaggio sia condiviso da tutti coloro che hanno a cuore lo stato di salute della città nel suo complesso. Piccoli sacrifici, modificare le nostre abitudini possono portare grandi vantaggi sul fronte dell’ambiente e della salute".